Intervista a Cristina Fontanarosa

November 14, 2018

C'è chi nella vita imbocca una strada, e poi va fuori rotta di proposito. E sono le persone che ci piacciono di più. Quelle che si mettono in gioco, sfidando se stesse e la vita. Quelle che ad un certo punto decidono che gli va tutto stretto, e non gli va più di farsene una ragione.

 

E allora una mattina si svegliano e mandano tutto all'aria, rivoluzionando ogni cosa. 

 

E' quello che ha fatto Cristina Fontanarosa, una ragazza di Napoli, ex lavoratrice dipendente trasferita a Milano, e oggi fiera libera professionista che vive la vita che sognava. Dopo essersi licenziata da una multinazionale nel 2017, ha deciso di portare avanti la sua attività di imprenditrice "Tourbillon De La Vie" e avviare un travel blog "Cristina on The Road".

 

Noi l'abbiamo intervistata: 

 

Ciao Cristina, parlaci un po' di te.

Ho 31 anni, sono napoletana, ma ho abitato a Parigi, Roma, Milano e un breve periodo negli Stati Uniti per formazione e lavoro. Sono laureata in filosofia ed etica della comunicazione. Ho lavorato per circa 10 anni nel marketing di grandi multinazionali. Il mio lato forte è sempre stato la creatività e l'immaginazione che metto al servizio delle mie tante passioni: progetto grandi viaggi (e poi li faccio), scrivo molto, se posso creare da sola una cosa invece di comprarla lo preferisco.

 

Il tuo CV è ricco di voci interessanti. Hai lavorato per aziende importanti come Morellato e Smartbox. Cosa ti ha spinto a metterti in proprio?

In realtà Tourbillon De La Vie è nato nel 2012. Nel tempo ha sempre rappresentato un hobby, che però mi dava belle soddisfazioni. Immaginare che migliaia di persone in giro per il mondo indossano un gioiello pensato, realizzato e venduto da me in qualche modo è qualcosa che mi emoziona. Complici allora le skills che ho sviluppato lavorando per gli altri ho deciso allora di dare una chance a questa cosa e vedere come va. Per ora ho vissuto tanti bei momenti: dalle fiere di settore in giro per l'Europa, alle settimane passate a New York City a imparare nuove tecniche, ai feedback quotidiani dei miei clienti. Vediamo come andrà!

 

 

Com'è cambiata la tua vita in questo ultimo anno e mezzo?

Nell'ultimo anno e mezzo è cambiata due volte: ho cambiato lavoro e raggiunto un livello manageriale molto alto, e poi ho deciso dopo qualche mese di sfruttare le stesse capacità e vivere lo stesso stress per mettermi in proprio. Coltivo insieme a Tourbillon De La Vie anche il progetto del blog travel e grazie a questo e a delle belle collaborazioni ho passato l'ultimo anno spesso in viaggio. Vivo più a contatto con la mia famiglia e il gatto e con il mare (le tre cose a cui tengo di più), ma i ritmi sono molto cambiati rispetto a quando ricoprivo un ruolo manageriale piuttosto impegnativo a Milano.

 

Che consiglio daresti a chi ha paura di lasciare il posto fisso e iniziare a lavorare in proprio?

Di farsi un'analisi di coscienza. Non è tutto oro ciò che luccica, ci saranno momenti di down legati soprattutto ad avere tutto unicamente sulle proprie spalle. Bisognerà imparare a rischiare i propri risparmi e non i fondi di qualche fantomatica SPA che potrebbero sembrare irreali. Ci si deve sentire pronti e si deve essere sicuri di riuscire a performare abbastanza da potersi permettere un tetto e un piatto sulla tavola. Dall'altra parte penso che a 20 o 30 anni si possa ancora fare tutto. 

 

Si parla spesso di ups-and-downs a livello sia emotivo che finanziario nella vita di un freelancer. Capita anche a te?

Come accennavo prima sì. Amo molto essere libera, poter organizzare un viaggio quando voglio, gestire interamente il mio business. Il rovescio della medaglia è che si è spesso soli, a parte brevi momenti in collaborazione, bisogna gestire tutto in prima persona e in solitudine. Del resto quando si lavora non è che si è fuori con gli amici, ma una chiacchiera ogni tanto non guasterebbe! Ho provato qualche coworking, ma per il lavoro artigianale non funzionano bene.

 

Sei fiera della tua scelta, e della Cristina che sei oggi?

Sì, la vita è un eterno processo di miglioramento. Avrei potuto fare di più in questo anno, ma mentre lavoravo al progetto, mi riprendevo anche delle fatiche degli ultimi 10 o 15 anni. Ho 31 anni, due lauree, due master, parlo tre lingue, ho vissuto in molti posti e viaggiato davvero in tantissimi paesi. Ho lavorato in figure di rilievo globale in grandi brand e poi ho avuto il coraggio di mandare tutto al diavolo e ricominciare altrove. Non male, no? E poi, hey, mi sono anche iscritta in palestra! :-)

 

No Cristina, decisamente non male! Keep up the good work ;) e in bocca al lupo! 

 

Se volete saperne di più su Cristina, la trovate qui: 

Facebook

Tourbillon De La Vie

Cristina on The Road

 

Per acquistare la box di "Freelancer in a Box" creata in collaborazione con Tourbillon de la Vie, cliccate qui. Per voi uno sconto del 10% con il codice "TourbillonDeLaVie" (valido fino al 21/11/2018).

 

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

In Evidenza

Web Marketing Festival: Il programma formativo in anteprima

May 21, 2019

1/10
Please reload

Articoli recenti
Please reload

Archive
Please reload

Follow Us
  • Facebook Basic Square